Facebook ha recentemente lanciato Canvas, una funzionalità che permette agli inserzionisti di creare annunci che diventano per gli utenti vere e proprie esperienze immersive.

“A new space for big ideas on Facebook”: è così che viene presentata la nuova funzionalità di Facebook.
Canvas è il nuovo strumento che consente la creazione di inserzioni pubblicitarie con una marcia in più. I plus sono tanti, ma sopra ogni altro, c’è l’opportunità di catturare l’attenzione degli utenti grazie a contenuti interattivi che consentono una esperienza immersiva e originale.

Come uno strumento simile può trasformarsi in una importante leva di marketing per la propria azienda?
La risposta sta negli obiettivi di comunicazione che l’azienda si pone per raggiungere gli utenti e potenziali clienti. Si tratta, infatti, di uno strumento che si presta ad un livello di personalizzazione tale da poter veicolare messaggi anche molto diversi: il lancio di una nuova linea di prodotti, un evento, una promozione speciale e tanto altro.

Quando qualche mese fa cominciarono ad uscire le prime indiscrezioni su Facebook Canvas, la domanda che ci siamo posti fu: “In che senso?” Perché canvas vuol dire tanto, ma anche molto poco. Poi con le prime presentazioni, tutto è diventato chiaro. Canvas nel senso di “scenario”. Con Facebook Canvas è possibile “disegnare” uno scenario che racconta un’azienda, un prodotto… non male eh?

La differenza tra un Canvas e una normale inserzione sta proprio nella possibilità di accompagnare l’utente in una esperienza adv a tutto schermo, che va oltre la sezione notizie del social network: pur trattandosi di vere e proprie landing page totalmente personalizzate, l’utente non esce realmente da Facebook, eppure ha la sensazione di immergersi completamente in un altro “luogo”, quello del brand, perdendo visivamente il contatto con gli elementi grafici nativi della piattaforma social.
La particolarità di Facebook Canvas è quella di offrire la possibilità di raccontare prodotti, promozioni, eventi o semplicemente la storia della propria azienda, attraverso uno storytelling visivo che conduce l’utente lungo il percorso desiderato attraverso immagini, video e contenuti che lo rendono parte attiva del “racconto” stesso.
Finisce l’era delle inserzioni fruite in modo esclusivamente passivo, e si apre una finestra su un modo nuovo di fare comunicazione su Facebook, una modalità che ora punta tutto sull’aspetto interattivo e immersivo.

Unico “neo”, ad oggi, è la possibilità di servirsi di questa funzionalità solo per il mobile.
In compenso, un Canvas è molto più veloce di una normale landing page, proprio perché interno alla piattaforma stessa; i contenuti si caricano 10 volte più velocemente rispetto a qualunque altro sito web mobile.
Alcune informazioni utili da conoscere prima di avviarsi alla realizzazione di un Facebook Canvas:

  • Su Canvas è possibile inserire caroselli di immagini, immagini statiche, foto panoramiche e video. Qualche informazione tecnica: le immagini che occupano l’intera larghezza dello schermo dovranno essere di 1080 pixel, mentre quelle che occupano l’intera altezza 1920 pixel (sarà possibile utilizzare fino a 20 foto in un’unità Canvas). Per quanto riguarda i caroselli, invece, è importante che le immagini (max 10 in totale) siano tutte delle stesse dimensioni (consigliate 1080 x 1920). I video invece dovranno essere in formato verticale e non potranno superare i 2 minuti complessivi.
  • I Facebook Canvas possono essere sia organici sia sponsorizzati, per cui non sarà strettamente necessario avviare una campagna dopo la creazione. Potrebbe però risultare proficuo investire del budget su un Canvas nel caso in cui questo abbia degli obiettivi strettamente commerciali o anche semplicemente per fini di brand awareness.
  • Dopo aver creato un Facebook Canvas sarà fondamentale l’ultimo step: visualizzarne la preview prima della pubblicazione. Una volta creato, il vostro Canvas non sarà più modificabile.
  • È uno strumento nato per la versione mobile di Facebook, per cui i vostri Canvas, almeno per il momento, non saranno visualizzabili dalla versione desktop a meno che non vengano ripubblicati come post, e sarà sempre necessario farlo dalla versione mobile.

Per la costruzione del vostro primo Canvas, vi segnaliamo lo strumento Canvas Builder che ne semplifica la creazione: si tratta di un tool che Facebook mette a disposizione degli inserzionisti su Power Editor e sulla tab Publishing Tools della pagina.

Molti brand famosi hanno già utilizzato i Canvas per costruire le loro campagne di comunicazione social, qualche video di esempio potete trovarlo qui.
Con questo post volevamo fare un po’ di chiarezza sul ventaglio di possibilità offerte agli inserzionisti, da questo nuovo strumento per fare comunicazione e promozione in modo originale e coinvolgente.

Il nostro parere su Canvas? Assolutamente da provare!

La vostra prossima mossa? Chiamarci per aiutarvi.