La vendita al dettaglio sul web è, anno dopo anno, obiettivo di un numero sempre crescente di aziende. Ma qual è la strada giusta per il successo di un sito e-commerce?

Uno studio di e-marketer, a cui abbiamo già dedicato un post tempo fa, aveva previsto l’ascesa dell’e-commerce nel 2015 e una conseguente crescita inarrestabile dello shopping online in tutto il mondo fino al 2018. Come approfittare di questo trend?

Se state pensando di lanciare il vostro primo sito e-commerce ma non sapete come muovere i primi passi, o avete già un vostro negozio online ma non siete soddisfatti dei risultati, qui troverete alcuni consigli utili per massimizzare le opportunità nel mondo dell’e-commerce.

1. Ottimizzare il vostro sito e-commerce per la navigazione mobile

Il 2015 è stato l’anno dell’e-commerce da mobile e di certo non si tratta di un trend in arresto. Come evidenziato dallo ShoppingIndex 2015 di Demandware, è proprio agli smartphone che si deve l’aumento di traffico e di ordini online rispetto agli anni precedenti. Volendo buttare un occhio ai numeri, si registra addirittura una crescita del 112% nelle visite e del 104% nei carrelli, con un +68% negli ordini finali. Insomma, cifre decisamente importanti. Il telefono diventa sempre più spesso il primo punto di contatto tra cliente e azienda, soprattutto nel caso dei millennials (i giovani nati tra i primi anni ottanta e i primi anni duemila), l’80% dei quali interagisce per la prima volta con un brand proprio da mobile.
Pensate ancora di potervi 
permettere un sito web e-commerce non ottimizzato per mobile?
Un sito mobile-friendly sarà molto apprezzato non solo dagli utenti, ma soprattutto da Google che, dopo l’ormai noto Mobilegeddon (aprile 2015), nei risultati di ricerca valorizza nettamente i siti navigabili da dispositivi mobili rispetto agli altri. Vi sembra poco?
E per fugare ogni dubbio sull’ottimizzazione del vostro sito web, sottoponetelo al test di Google sulla compatibilità con dispositivi mobili.

2. Pianificare delle campagne di e-mail marketing

Troppo spesso questo strumento viene sottovalutato o sfruttato male dalle aziende. Considerando che al mondo ci sono più di 4 miliardi di account attivi, non vi viene voglia di scoprire quante strade può aprirvi l’e-mail marketing? Secondo molti studi condotti nel settore, emerge che gli utenti preferiscono ricevere le offerte commerciali proprio via mail e che molti privilegiano la lettura delle newsletter da mobile (ed ecco che torna ancora l’importanza dell’ottimizzazione per dispositivi mobili, anche per l’email marketing). Il 55% delle aziende dichiara di aver incrementato del 10% le proprie vendite grazie all’e-mail marketing rafforzando la tesi secondo cui l’email, come mezzo di comunicazione, è uno dei più efficaci in termini di lead generation.
Ad oggi, l’
e-mail marketing continua ad essere uno dei migliori metodi per coinvolgere i consumatori, innescare un processo di acquisto, evidenziare offerte e opportunità, in poche parole, uno strumento chiave per il successo di un sito e-commerce. L’importante è utilizzare la strategia giusta: ad esempio, evitare di inondare i propri clienti con email troppo frequenti – che farebbero impennare la percentuale di disiscritti – e scegliere invece una soluzione ragionata, con obiettivi precisi, come l’invio pianificato di email specifiche su promozioni, sconti, coupon e offerte speciali. Questa è la strada giusta per creare un rapporto di fiducia con i consumatori. Le vostre newsletter non saranno così percepite come una invasione ma come l’opportunità di accedere ad anteprime o promozioni esclusive dedicate ai soli iscritti alla newsletter, creando una sorta di rapporto esclusivo e, di solito, molto apprezzato.
E per una pianificazione davvero attenta, potreste calcolare quanto l’e-mail marketing vi “restituisce” in termini di ROI (return on investment) con questo strumento online molto utile: emailmarketingroi.com 

3. Invogliare con spese di spedizione gratuite, codici sconto, offerte, possibilità di ritiro in negozio

Sapevate che la prima causa di abbandono dei carrelli online è il costo delle spese di spedizione?
Soprattutto in una prima fase di lancio del proprio sito web e-commerce, offrire le spese di spedizione potrebbe essere una buona strategia per
costruire una relazione con il cliente o potenziale cliente. Non è sempre conveniente per l’imprenditore, è vero, ma con qualche accorgimento come il raggiungimento di una spesa minima, i costi potranno essere ammortizzati e il risultato potrebbe essere quello di conquistare un nuovo cliente che, se soddisfatto, tornerà a comprare sul vostro  e-commerce e consiglierà ad altri utenti di acquistare i vostri prodotti. Si tratta di un investimento sulla relazione con il cliente che si rivela uno dei fattori fondamentali per il successo di un sito e-commerce. Approfittate anche di eventi e festività (es. San Valentino, Natale, Black Friday, ecc.) lanciando promozioni con codici sconto: l’opportunità di risparmio cattura sempre l’attenzione e si presta al passaparola tra utenti, sia sul web che fuori.
Se oltre a un sito e-commerce avete un negozio fisico, perché non dare anche la possibilità di acquistare online e ritirare in sede?
In questo modo potreste ampliare la vostra clientela spingendo all’acquisto anche chi è più restìo allo shopping online o preferisce avere il prodotto subito in mano, ritirandolo personalmente.

4. Spingere la propria attività sul web e sui social media

Un negozio online deve essere promosso online,  per cui via libera a campagne pubblicitarie sul web e soprattutto a una buona e solida presenza sui social media.
Bisognerà definire quali piattaforme possano essere più adatte all’ambito di riferimento e assicurarsi sempre di  attivare una comunicazione accurata, integrata e adeguata alle logiche del mezzo scelto per raggiungere i potenziali clienti. Attività, questa, che consigliamo di fare con l’aiuto di
esperti del settore.
Nella maggior parte dei casi comunque il focus sarà su Facebook, il re dei social network, trasversale e generalista. Ogni giorno 890 milioni di utenti utilizzano Facebook nel mondo e ben 20 milioni in Italia, motivo per cui è impossibile escluderlo dalla pianificazione della propria presenza online.
Ma qual è il plus della vendita online tramite Facebook? Naturalmente la possibilità di creare un’inserzione (con un pulsante diretto per l’acquisto) su un target altamente profilato: età, sesso, interessi, area geografica, dispositivo usato per la navigazione e molto altro. In sostanza, si può promuovere il proprio prodotto esattamente al pubblico desiderato. What else?
In base al tipo di prodotti e servizi offerti, ai contenuti da veicolare e al target si potranno comunque tenere in considerazione anche altri social network (come Twitter, Instagram, ecc.) e piattaforme specializzate. 

5. Differenziarsi ed essere competitivi

Il primo problema di chi si accinge a vendere online è quello della concorrenza. A meno che non si offrano prodotti o servizi davvero unici, ci si scontrerà con tantissimi altri siti e-commerce, probabilmente più conosciuti, verificati e con una clientela già acquisita. Il consiglio è di iniziare a costruire la propria presenza online, differenziandosi, puntando sulla creatività, promuovendo il proprio business in maniera anche alternativa, ad esempio con contenuti virali. In un precedente post vi abbiamo raccontato il caso di Dollar Shave Club, un’azienda americana con un e-commerce di rasoi che, grazie a un video virale creativo e ben realizzato, ha ottenuto più di 20 mila visualizzazioni su Youtube e ha conquistato la fiducia di un numero incredibile di consumatori.
L’obiettivo da porsi, dunque, è quello di distinguersi dalla massa, di promuovere la propria attività pensando fuori dagli schemi. Probabilmente sarà necessario l’aiuto di un creativo, di un esperto di comunicazione, o di un’agenzia specializzata, ma ne varrà sicuramente la pena!

Ora vi invitiamo ad analizzare la vostra strategia: quali di questi consigli state già mettendo in pratica?
Ricordate che la fase iniziale di lancio è fondamentale per il successo di un sito e-commerce. Non lasciate nulla al caso: pianificate, create una strategia, osate! Anche se il vostro è solo un piccolo e-commerce, pensate in grande. Vendere online può sembrare semplice ed entusiasmante ma significa anche entrare in un mercato vastissimo, in cui la vera sfida è prima di tutto farsi notare.