Aumentare le vendite al dettaglio in ambito locale? Ora si può, con i nuovi Facebook Dynamic Ads custom per il retail

Il nuovo format pubblicitario lanciato da Facebook è pensato in modo specifico per punti vendita fisici: si tratta di inserzioni dinamiche, basate sulla geolocalizzazione, che mostrano agli utenti i reali prodotti disponibili e/o in promozione nei punti vendita ubicati nelle vicinanze.

I nuovi annunci dinamici di Facebook fanno parte delle funzionalità promesse da Zuckerberg nei mesi scorsi per consentire ai marketer di attirare persone all’interno dei punti vendita e incrementare le vendite in shop. Una nuova soluzione per campagne ancora più strategiche che hanno come obiettivo le conversioni offline.

Hanno già iniziato a testare la nuova opportunità  Abercrombie & Fitch, Argos, Macy’s, Pottery Barn, Target e nelle prossime settimane il servizio sarà esteso a tutti. Con questa nuova opportunità Facebook dimostra ancora una volta la sua attenzione nei confronti dei retailer e delle loro esigenze. Si tratta di un servizio online che spinge a compiere un’azione offline. Le persone effettuano sempre ricerche online per informarsi su prodotti da acquistare poi offline. Facebook ha quindi sviluppato un servizio che possa connettere i due mondi, semplificare il processo di acquisto per l’utente e quello di vendita per i commercianti.

I retailer possono customizzare l’annuncio e targettizzare le offerte in base ai clienti da raggiungere. Facebook mostrerà agli utenti i diversi prodotti, in base alle attività e agli interessi, e riuscirà a indirizzarli in modo specifico verso un punto vendita in cui quei prodotti sono realmente disponibili.

Considerando che il 49% degli acquisti in negozi fisici è influenzato da interazioni digitali, soprattutto da mobile, questa potrebbe essere la svolta per il business di tante PMI. È ormai assodato che il processo di acquisto sia profondamente mutato rispetto a quello di un tempo: ci si informa online, si confrontano le caratteristiche dei prodotti con quelli dei competitor, si fanno ricerche su prezzi e offerte anche all’interno degli stessi punti vendita. Niente a che vedere con gli acquisti di un tempo basati sulla fiducia verso il negoziante specializzato. Di conseguenza, anche le modalità di comunicazione e promozione devono adeguarsi alle esigenze del nuovo consumatore. I Facebook Ads hanno avuto, negli ultimi anni, un ruolo importante in questo cambiamento, ma con obiettivi che rimandavano sempre al click e all’acquisto online. I nuovi annunci dinamici, invece, cambiano  logica e sono ottimizzati per le vendite al dettaglio, non per una call to action che si conclude online.

Quali peculiarità per i nuovi Facebook Dynamic Ads?

  • Gli annunci sono collegati alle referenze disponibili all’interno dei punti vendita: per l’utente quindi sarà possibile sapere in anticipo se troverà un determinato prodotto e, grazie allo strumento di localizzazione, potrà raggiungere facilmente il negozio.
  • Gli inserzionisti possono utilizzare i riepiloghi dei prodotti per dare ai clienti tutte le informazioni necessarie senza doverli costringere a uscire da Facebook.
  • Gli utenti possono svolgere delle azioni di diverso tipo, come ad esempio contattare il punto vendita, salvare il prodotto temporaneamente oppure decidere di acquistare anche online.
  • È possibile anche fare un confronto grazie alla funzione “prodotti simili”, che mostra le referenze della stessa categoria.

I nuovi Facebook Dynamic Ads, disponibili in CPM, danno l’opportunità ai venditori di creare annunci collegati direttamente all’inventario dei propri punti vendita e che quindi, per essere attivi e visibili, tengono in considerazione la reale disponibilità dei prodotti in una determinata location. Opportunità interessante per i piccoli punti vendita, ma anche per le grandi catene, che possono avviare campagne diverse in base alle location e il collegamento all’inventario del negozio permetterà di far visualizzare l’inserzione al target scelto solo finché il prodotto non andrà in esaurimento.

L’obiettivo di Facebook – dichiarato da Maz Sharafi, Director of Monetization – è quello di rendere la piattaforma “il posto migliore per indirizzare le persone nei punti vendita da dispositivi mobile”.
Un ponte perfetto tra mercato online e offline, oltre che un servizio concretamente utile sia per utenti che per negozianti.