Facebook, Twitter, Instagram, YouTube e Snapchat: tutte le novità social che vi siete persi


►FACEBOOK ◄

Instant Articles su Messenger

Facebook ha da poco annunciato che integrerà gli Instant Articles all’interno dell’app di Messenger. In questo modo, non sarà necessario uscire dall’app e utilizzare il browser, sarà possibile consultare i post in modo più immediato e con un caricamento 10 volte più veloce rispetto ai link tradizionali. La funzionalità è già attiva su Android e dovrebbe esserlo anche per iOS la prossima settimana.

Secret Conversation, la crittografia end-to-end di Messenger

Alcuni utenti Facebook stanno già testando i messaggi criptati. Questo tipo di messaggi saranno visualizzabili da un unico dispositivo (quello da cui è stata avviata la conversazione) e potranno essere abilitati su scelta dell’utente. Il rollout per tutti avverrà nelle prossime settimane, avvicinando sempre più il social network alle logiche di Telegram o WhatsApp. In ogni caso, a differenza degli altri social, su Messenger sarà possibile scegliere quali conversazioni criptare, rinunciando però in queste alla condivisione di elementi multimediali come foto, video o gif. Il rollout per tutti è previsto durante il periodo estivo.    

Download dei video

Partirà dall’India la fase di test del download dei video. Con il wi-fi attivo sarà possibile sincronizzare i video sul proprio device e visualizzarli anche offline sull’app di Facebook in un secondo momento. Resterà comunque la possibilità di attivare un’opzione per impedire agli utenti di scaricare i video. Una nuova funzionalità, quella del download, che tenta forse di rimediare alla mancata precedenza data ai video dopo l’aggiornamento dell’algoritmo di Facebook, e che pare verrà testata in India proprio perché da lì proviene il maggior numero di lamentele sulla questione. 

Slideshow

Una nuova opportunità di condivisione che permetterà di pubblicare presentazioni di foto e video sincronizzandosi con i file presenti sul proprio smartphone. Sarà lo stesso Facebook a creare una sorta di presentazione da poter condividere o personalizzare. Dopo aver messo a punto il proprio slideshow con il layout preferito e una colonna sonora a piacimento, sarà possibile inserire un titolo e taggare gli amici. Al momento è disponibile su Facebook Moments e presto sarà aperto a tutti.   

Featured Event

Feature Event è dedicato totalmente agli eventi in programma nella propria zona geografica (feste, concerti, eventi culturali, manifestazioni, ecc., ad esclusione di eventi politici o religiosi) e verranno segnalati agli utenti iscritti da redattori di Facebook. Gli utenti vedranno delle categorie specifiche come Musica, Food, Eventi Settimanali, ecc. La funzionalità sarà disponibile in un primo momento solo per gli utenti iOS di Boston, Chicago, Dallas, Houston, Los Angeles, Miami, New York, San Francisco, Seattle e Washington.

Video nei commenti

Altra novità social recentissima è la possibilità di caricare video nei commenti di Facebook. Si tratta di una funzionalità aggiunta solo di recente ed il caricamento dei file video, come avviene per le foto, si potrà effettuare cliccando sull’icona della macchina fotografica. Non è però prevista la riproduzione automatica come per i post video in bacheca.  

Targettizzazione dei video in diretta

Facebook dà adesso la possibilità di utilizzare dei filtri per selezionare gli utenti a cui mostrare le dirette video: età, sesso, zona di riferimento, ecc. Tutto ciò permetterà di dare la giusta visibilità ai video e di mostrare i contenuti a chi può essere davvero interessato.

 

► TWITTER 

Geotagging dei tweet

Grazie alla collaborazione con Foursquare, Twitter permette finalmente agli utenti di localizzarsi in modo più semplice e accurato, facilitando anche le ricerche geolocalizzate dei tweet di utenti che si trovano negli stessi luoghi.

Stickers sulle immagini

Un’altra novità social di cui si parla in queste settimane è quella degli adesivi di Twitter, da inserire sulle immagini come avviene già, ad esempio, su Snapchat. Si sa ancora poco su questa nuova funzionalità dal grande potenziale, che potrebbe finalmente generare un fenomeno di condivisione molto più massiccia di immagini anche su questo social network. Pare infatti che i tweet con elementi multimediali registrino un engagement più alto del 313% rispetto a quelli prettamente testuali. Probabilmente il social suddividerà anche le immagini in categorie in base agli stickers utilizzati e sarà dunque possibile visualizzare facilmente tweet simili in quanto appartenenti alla stessa categoria.

Engage

Novità su Twitter anche per le immagini in movimento. I video degli utenti potranno avere una lunghezza di 140 secondi ma non saranno più conteggiati nei 140 caratteri massimi consentiti. Inoltre, VIP e video creators potranno anche tenere sotto controllo menzioni, RT e like tramite la nuova app Engage, molto simile a Facebook Mentions.

Dirette streaming

Su Twitter arriva anche lo streaming senza Periscope. Il social network ha infatti fatto una partnership con Cbs News negli Stati Uniti e trasmetterà in diretta le convention del partito repubblicano e di quello democratico. La visione di queste dirette non sarà riservata ai soli iscritti, bensì aperta a tutti.

Info Customer Service

Su alcuni profili è già possibile notare una riga di testo che renderà più semplice il dialogo tra utenti e brand perché specifica i migliori orari per interagire con quello specifico account aziendale. Le info si trovano sotto la foto di profilo e ricordano un po’ le informazioni fornite da Facebook sui tempi di risposta delle sue brand page.

In primo piano

Sarebbe in arrivo, inoltre, anche un nuovo spazio negli account di brand e aziende che permetterà di visualizzare in primo piano i tweet principali. Al momento però la funzione è solo in fase di test.

GIF Animate

Le gif animate sono già molto diffuse su Twitter, ma la novità è che adesso hanno un limite di 15 MB ciascuna, proprio perché spesso risultano molto pesanti. In passato il limite era stato fissato solo per le immagini ed era di 5 MB.

 

►INSTAGRAM◄ 

Nuovo ordine nel feed

Come già approfondito in un precedente post, Instagram ha modificato il suo algoritmo e trasformato il feed degli utenti. I post visualizzati non sono più in ordine cronologico ma seguono un diverso ordine determinato dall’engagement generato. 

Niente link a profili di altre piattaforme

Nella propria biografia non è più possibile inserire link a Snapchat, Telegram o altri social che non fanno parte del gruppo.

Insights e traduzioni

Saranno disponibili degli analytics, proprio come per Facebook, e ogni foto di account business verificati mostrerà a tutti dati di engagement, numero di impression e reach. Inoltre, recentemente è stata inserita la funzionalità che permette di tradurre nella propria lingua le didascalie delle immagini.

Dynamics Ads for Travel

Gli inserzionisti potranno finalmente mettersi in contatto con chi sta pianificando una vacanza ed effettuando ricerche su voli e hotel. Questi Dynamic Ads permetteranno di mostrare agli utenti opzioni interessanti su hotel, voli e prezzi: Hilton sarà uno dei primi brand a utilizzare questa novità.  

Foto in alta risoluzione

Il formato caratteristico di Instagram, che lo caratterizza sin dalle sue origini, è stato il 640×640 pixel. Presto faranno ingresso le 1080×1080 pixel. La novità non è stata presentata ufficialmente dal social network, ma scoperta da The Verge grazie al codice html della pagina di una foto.

Moderazione dei commenti

Buone notizie per gli account Business: a breve anche su Instagram sarà possibile moderare i commenti e lo spam. Basterà aspettare il nuovo aggiornamento e finalmente si potranno bloccare le parole offensive o volgari, come su Facebook.

 

► YOUTUBE 

YouTube Music, Kids e Gaming

All’interno di YouTube è possibile trovare YouTube Music, YouTube Kis e YouTube Gaming. Si tratta di tre categorie distinte che caratterizzano diversi modi di utilizzare il social network: ogni categoria è ottimizzata per il suo target specifico, seguendo precise regole per generare engagement e prolungare il tempo di permanenza dell’utente raggiunto.

YouTube Director

YouTube ha presentato sul suo blog un pacchetto di strumenti dedicato alle aziende che consente di realizzare video quasi professionali da smartphone. In questo momento è disponibile ancora solo in USA e Canada. Tramite l’app si potrà scegliere un template, girare il proprio video e aggiungere facilmente animazioni e testi, per poi pubblicare e promuove il video, potendo scegliere se avvalersi dell’aiuto di uno specialista AdWords. 

Streaming meno rilevante

Secondo un rapporto USA relativo ai primi sei mesi del 2016, pare che YouTube e le altre piattaforme video stiano diventando meno rilevanti nel settore musicale: lo streaming musicale in formato video è cresciuto infatti solo del 23%. Sulle piattaforme di streaming audio si registra invece una crescita di gran lunga superiore. I dati ufficiali riporterebbero uno sbilanciamento netto di 114 miliardi di stream audio contro 95 miliardi di video musicali.

 

► SNAPCHAT 

Riconoscimento degli oggetti

Una curiosa novità social in cantiere: Snapchat vuole creare un sistema di riconoscimento degli oggetti reali. Lo scopo è quello di utilizzare poi queste informazioni per offrire all’utente contenuti sempre più personalizzati. Questo riconoscimento sarà utile al social network, successivamente, per consentire ai brand di offrire sconti su specifici prodotti o categorie di prodotto. Tutto questo, unito alla funzione di localizzazione, si rivelerà uno strumento di promozione da non sottovalutare anche per le attività locali.  

Pubblicità mirata

Oltre al riconoscimento degli oggetti, Snapchat potrebbe presto utilizzare le informazioni captabili dagli Snap per proporre dei precisi messaggi pubblicitari agli utenti. Ad esempio, il semplice scatto di una fotografia in un locale permetterebbe al social network di localizzare l’utente e personalizzare poi gli ads da fargli visualizzare, superando il concetto di filtro geografico on demand.

Show di Hollywood

Pare che Snapchat stia trattando con i più grandi TV network per ospitare spettacoli nella sua sezione Discover. Si tratterebbe di una vera e propria evoluzione di Discover, in cui già realtà come BuzzFeed o Cosmopolitan hanno iniziato a postare i propri articoli e web video. Una svolta video di questo tipo darebbe una ulteriore scossa e una grande ventata di novità a questo social network. Staremo a vedere se le voci saranno confermate.

Memories

Snapchat ha presentato anche una novità inaspettata: Memories, una sezione che consente di pubblicare e salvare le foto con diversi filtri, testi, effetti e storie. Si tratta quasi di una “collezione” che permette di custodire ciò che si preferisce (tradendo forse un po’ i principi caratteristici della piattaforma) e di ricercare, inoltre, questi contenuti nel tempo tramite keywords. Una funzione potenzialmente utile anche per le aziende in un’ottica di brandizzazione dei contenuti.