Nel 2018, si susseguono senza sosta le novità per i social media che favoriscono sia l’attività degli utenti sulle piattaforme che il business delle PMI. Tra le numerose news spicca il successo dei contenuti video in tutte le sue forme: Instagram Stories, Facebook Live Streaming, LinkedIn Native Videos. Inoltre, Twitter si prepara a una ristrutturazione pronto a scalare le classifiche di gradimento degli utenti.

Qualche numero: le ricerche di We Are Social

Le ultime ricerche di We are Social hanno rilevato dati importanti riguardanti gli italiani e l’utilizzo di Internet. I numeri rilevati dicono che sono 34 milioni le persone giornalmente attive sui social media e che il 76% di queste connessioni avviene tramite mobile.
Una chiara dimostrazione che il dispositivo che portiamo nelle tasche dei nostri jeans è al comando per numero di connessioni. Ma quali attività svolgiamo quotidianamente con il nostro smartphone?
Soprattutto 3 :

  • Ci informiamo (39%)
  • Acquistiamo prodotti (27%)
  • Chattiamo (42%)

Facebook alle prese con Privacy e Fake News

Oltre allo scandalo di Cambridge Analytics che ha portato non pochi problemi a Zuckenberg e compagni,
Facebook ha apportato sostanziali modifiche al suo feed di notizie per fornire contenuti più affidabili ai propri utenti ed evitare il diffondersi di  fake news.
L’effetto del cambiamento è che gli utenti saranno invasi da un minor numero di messaggi pubblicitari da parte di aziende ed editori, e vedranno più contenuti da fonti locali di notizie. Se Facebook in questi anni è diventato un enorme spazio commerciale per i potenti del business, adesso lo scopo del social network più popolato al mondo è quello di migliorare la qualità generale delle notizie condivise sulla piattaforma.
Una sfida per le aziende, per le quali è sempre più difficile ritagliarsi un piccolo spazio sull’home page degli utenti. Come fare?
Aziende e piccole e medie imprese ora possono utilizzare gli algoritmi di Facebook per trovare la migliore combinazione di immagini, titoli e testo, grazie alla nuova funzione Dynamic Creative.
Il segreto, però, resta sempre lo stesso: contenuti di alta qualità e call to action efficaci.

Instagram: una piattaforma sempre più coinvolgente

Il Social Network con cui Zuckenberg ha annientato Snapchat continua a coinvolgere sempre di più e registrare un numero di iscrizioni in continuo crescendo.
Le Instagram Stories della passata stagione hanno completamente rivoluzionato la vita degli utenti, attratti da contenuti condivisi in real time e che vengono automaticamente eliminati dal social dopo 24 ore.
Per il 2018, invece, la novità saranno altre. In primis quella di seguire gli hashtag, con la possibilità da parte degli utenti di avere sulla propria home le notizie inerenti tematiche che hanno particolarmente a cuore.
Inoltre, tra le novità c’è anche la funzione regram: l’equivalente del retweet per Twitter.
Le stesse novità riguardano poi anche le aziende che hanno la possibilità, come gli utenti, di sfruttare la nuova funzionalità “segui hashtag”, al fine di trovare argomenti mirati e fornire una migliore visione delle attività dei competitors e delle tipologie di contenuti che generano il maggior coinvolgimento.

LinkedIn: notizie, aggiornamenti e competenze raccontate in video

Buone nuove anche dalla piattaforma che ha completamente rivoluzionato le modalità di cercare un lavoro.
Tra le prime novità ci sono gli aggiornamenti dei gruppi che non solo migliorano l’esperienza complessiva su LinkedIn ma consentono anche una maggiore capacità di connessione e coinvolgimento.
La pubblicazione di video resta tra le novità più importanti, a rimarcare con forza quanto l’importanza dei video sui social media sia nel periodo di massima esplosione.
Funzionalità importanti per gli utenti, in grado di aggiornare il feed con le proprie attività mettendo in mostra i propri interessi. Migliore comunicazione, maggiori dati a disposizione e una migliore gestione degli account: un importante vantaggio per aziende e professionisti.

Twitter: lavori in corso…

Il 2017 non è stato un buon anno per Twitter, con gli utenti che non sono cresciuti in maniera significativa rispetto ai diretti competitors. Tra i principali motivi, l’allontanamento di numerose star a causa degli haters, con dei meccanismi di blocco che non sono risultati proprio efficaci.
È passato in secondo piano anche il passaggio da 140 a 280 caratteri sui post, nonostante l’estrema capacità di sintesi risulta da sempre essere il punto di riferimento per il social network in questione.
Il 2018 sarà quindi l’anno della ristrutturazione di Twitter, con grandi novità per non perdere ancora quote di mercato e soprattutto inserzionisti.
Alcune indiscrezioni, tra cui una ricerca di BuzzFeed, dicono che il social network starebbe testando una nuova timeline dove un algoritmo promuoverà i tweet relativi ai grandi eventi collocandoli nella parte alta dell’home page degli utenti in maniera tale che siano messi in evidenza.
La seconda metà dell’anno prevede l’arrivo di nuove trasformazioni che diranno la verità sull’andamento dei vari social network.
Previsioni? Restiamo a guardare per essere pronti a offrire soluzioni digitali in linea con le esigenze di utenti e PMI.